La cuoca - Wikiwand
For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for La cuoca.

La cuoca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cuoca
AutoreBernardo Strozzi
Dataca. 1625
TecnicaOlio su tela
Dimensioni176×185 cm
UbicazioneMusei di Strada Nuova - Palazzo Bianco, Genova

La cuoca è un dipinto del pittore italiano Bernardo Strozzi realizzato in olio su tela (176x185cm) intorno al 1625 a Genova. È conservato a Genova, nei Musei di Strada Nuova (Palazzo Rosso).

Storia

Il dipinto è ricordato per la prima volta nell'inventario dei beni di Gio. Francesco I Brignole-Sale del 1683, come "Animali e figura di donna che sta cucinando del Prete Cappuccino"[1]. Dalla fine del Settecento è conservato nelle sale di Palazzo Rosso, che fu donato, con tutta la sua collezione, al Comune di Genova nel 1874 dalla Duchessa di Galliera Maria Brignole-Sale De Ferrari.

Il titolo di "Cuoca" è moderno; in realtà doveva trattarsi di una fantesca, in quanto, erano sempre di sesso maschile i cuochi nelle cucine dei palazzi patrizi, come quella rappresentata nel dipinto, riconoscibile dalla preziosa stagnara in argento cesellato[2]. In base a considerazioni stilistiche, è ritenuta dai critici opera della maturità del pittore. Strozzi ne realizzò una seconda versione, con alcune variazioni, presente alla sua morte nel suo studio a Venezia, e oggi conservata nella National Gallery of Scotland.

La cuoca, versione della National Gallery of Scotland
La cuoca, versione della National Gallery of Scotland

Descrizione

Il soggetto discende dalle Cucine fiamminghe di Aertsen o Beuckelaer, allora note a Genova. Si tratta di una scena di genere, ossia un semplice soggetto di vita quotidiana, che ne implicò una collocazione defilata all'interno della collezione Brignole-Sale secondo la gerarchia dei generi all'epoca in voga che prevedeva la superiorità dei soggetti storici o religiosi. L'altissima qualità pittorica porta invece oggi i critici a considerarla fra le più notevoli realizzazioni dello Strozzi e più in generale del Barocco italiano[1].

Altre interpretazioni proposte, che ne vorrebbero un'allegoria dei cinque sensi, o dei quattro elementi, non sono ritenute convincenti dalla critica prevalente[3].

Note

  1. ^ a b Ezia Gavazza e altri autori, Bernardo Strozzi, Genova 1581/82-Venezia 1644, catalogo della mostra a Palazzo Ducale di Genova, Electa, Milano 1995, p. 186
  2. ^ Genova Musei di Strada Nuova, di Piero Boccardo e Clario Di Fabio, Il sole 24 0re, 2005
  3. ^ P. Boccardo, Palazzo Rosso, Milano, 1992

Altri progetti

Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura
{{bottomLinkPreText}} {{bottomLinkText}}
La cuoca
Listen to this article